loader image
MarSEC

X

--

--

Dettagli

...

Di più
Organizzatore --
X
MarsCube (Rover Perseverance)

MarsCube (Rover Perseverance)

Perseverance è il nuovo rover della Nasa incaricato di cercare la vita sul pianeta rosso. E' atterrato su Marte il il 18 febbraio 2021. Al MarSEC in occasione dell'ammartaggio abbiamo allestito una mostra dedicata e si sono svolte attività, osservazioni, cene ed...

leggi tutto
Serata Soci

Serata Soci

SERATA RISERVATA AI SOCI ! In caso di cielo sereno sarà anche possibile osservare al telescopio (Prenotazione consigliata ma non obbligatoria)

leggi tutto
Serata Soci

Serata Soci

SERATA RISERVATA AI SOCI ! In caso di cielo sereno sarà anche possibile osservare al telescopio (Prenotazione consigliata ma non obbligatoria)

leggi tutto
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

Cosa osservare nel cielo di dicembre? Buona visione!

Credit: Space Telescope Science Institute
... Espandi il testoRiduci il testo

Questa approvazione appena arrivata è davvero bella. Le delta scuti sono stelle variabili pulsanti piuttosto giovani che hanno spesso periodi di variazione multipli (anche in questo caso). Ma quel comportamento strano che viene chiamato "battito cardiaco" Heartbeat, cosa ci dice? Che in realtà le stelle sono due, sono fortemente ovalizzate, ruotano in maniera estremamente eccentrica una attorno all'altra e risentono in maniera spettacolare di forze mareali estreme quando sono al periastro (minima distanza tra i due corpi), che deformano le stelle per forze mareali e per il reciproco irraggiamento.

Ma la cosa più interessante è quante ne sono state censite di stelle così particolari nel prestigioso VSX (Variable Star Index) dell'AAVSO (American Association Variable Star Observers)?

E niente, MarSEC_V62 è la prima... 🙂

www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=2345754
... Espandi il testoRiduci il testo

Questa approvazione appena arrivata è davvero bella. Le delta scuti sono stelle variabili pulsanti piuttosto giovani che hanno spesso periodi di variazione multipli (anche in questo caso). Ma quel comportamento strano che viene chiamato battito cardiaco Heartbeat, cosa ci dice? Che in realtà le stelle sono due, sono fortemente ovalizzate, ruotano in maniera estremamente eccentrica una attorno allaltra e risentono in maniera spettacolare di forze mareali estreme quando sono al periastro (minima distanza tra i due corpi), che deformano le stelle per forze mareali e per il reciproco irraggiamento.

Ma la cosa più interessante è quante ne sono state censite di stelle così particolari nel prestigioso VSX (Variable Star Index) dellAAVSO (American Association Variable Star Observers)? 

E niente, MarSEC_V62 è la prima... :-) 

    https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=2345754

Commenta su Facebook

Fantastici

🤩🥳🤩

Una delle immagini più iconiche dell'inverno è la nebulosa Testa Di Strega (IC 2118), questo residuo di nebulosa molecolare, parte del complesso di Orione, lontana 685 anni luce dalla Terra, vuole per una illusione pareidolitica che si veda una strega, col naso uncinato e tanto di cappello, che a bocca aperta guarda la bellissima stella Rigel, il piede del gigante Orione.

Bene, proprio a lei, da oggi, abbiamo legato il nome del MarSEC, scoprendo una variabile del tipo EA, ovvero due stelle che si eclissano vicendevolmente, ogni 5 giorni circa. Una delle due componenti si è scoperto è "chiazzata" di macchie solari. Il sistema, non ancora noto, si troverebbe un pò più in la della nebulosa essendo a 750 anni luce da noi.

Come sempre, bollinatura da parte del VSX (Variable Star Index) dell'AAVSO (American Association Variable Star Observers) e niente, festa grande per la MarSEC_V60 🙂

www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=2345712

Image Credit & Copyright: José Mtanous

apod.nasa.gov/apod/ap220124.html
... Espandi il testoRiduci il testo

Una delle immagini più iconiche dellinverno è la nebulosa Testa Di Strega (IC 2118), questo residuo di nebulosa molecolare, parte del complesso di Orione, lontana 685 anni luce dalla Terra, vuole per una illusione pareidolitica che si veda una strega, col naso uncinato e tanto di cappello, che a bocca aperta guarda la bellissima stella Rigel, il piede del gigante Orione.

Bene, proprio a lei, da oggi, abbiamo legato il nome del MarSEC, scoprendo una variabile del tipo EA, ovvero due stelle che si eclissano vicendevolmente, ogni 5 giorni circa. Una delle due componenti si è scoperto è chiazzata di macchie solari. Il sistema, non ancora noto, si troverebbe un pò più in la della nebulosa essendo a 750 anni luce da noi.

Come sempre, bollinatura da parte del VSX (Variable Star Index) dellAAVSO (American Association Variable Star Observers) e niente, festa grande per la MarSEC_V60 🙂 

https://www.aavso.org/vsx/index.php?view=detail.top&oid=2345712

Image Credit & Copyright: José Mtanous

https://apod.nasa.gov/apod/ap220124.html

Commenta su Facebook

Ma poi...che nome bellissimo !!

Anche oggi splendida giornata di divulgazione delle scienze astronomiche, circondati da un paesaggio da tardo autunno e per compagnia una quarantina di studenti e... una cioccolata calda.
Grazie al nostro partner didattico Orizzonti e al ristorante-albergo Campana!
... Espandi il testoRiduci il testo

E' semplicemente emozionante vedere a distanza di 50 anni la Luna e la Terra dalla Orion... Artemis I, il bello deve ancora venire. ... Espandi il testoRiduci il testo

E semplicemente emozionante vedere a distanza di 50 anni la Luna e la Terra dalla Orion... Artemis I, il bello deve ancora venire.

Commenta su Facebook

Perché non si vedono le stelle? Perché è tutto nero?

E' con grande piacere e onore che entriamo a far parte di questa collaborazione internazionale per il monitoraggio dei Blazar, fonti energetiche molto lontane e molto luminose associate ai buchi neri.

Un grazie in primis ad Alessandro Marchini (direttore osservatorio di Siena ,Università di Siena Dipartimento Scienze Fisiche della Terra e dell'AmbienteOsservatorio Astronomico
University of Siena, DSFTA - Astronomical Observatory ), per averci fatto conoscere questa collaborazione, a C.M. Raiteri e M. Villata dell'INAF per averci accolto.

Già poter collaborare a un progetto come MarSEC e vedere le nostre osservazioni affiancate a "mostri sacri" quali gli osservatori del Teide alle Canarie compresi i telescopi MAGIC (Spain), a Siding Spring (Australia), Manua Kea (Hawaii, USA), Lowell Observatory (Boston University, USA), Mt Lemmon Observatory (Arizona, USA), Calar Alto (Spain) ecc... e agli amici degli osservatori italiani... è emozionante di suo. Sperando ovviamente di fare anche la nostra parte in questa bellissima avventura per la comprensione del cosmo.

Infine un grazie a Matilde Barbieri per la sua cocciutaggine (lei capirà 🙂 ).

Direi che con i programmi stelle variabili, exoplanet e blazar siamo piuttosto al completo con le ore osservazione al telescopio di ricerca. Convinti che la nostra dedizione possa dare un contributo sostanziale al mondo astronomico che tanto amiamo.

Grazie a tutti!
... Espandi il testoRiduci il testo

E con grande piacere e onore che entriamo a far parte di questa collaborazione internazionale per il monitoraggio dei Blazar, fonti energetiche molto lontane e molto luminose associate ai buchi neri.

Un grazie in primis ad Alessandro Marchini (direttore osservatorio di Siena ,Università di Siena Dipartimento Scienze Fisiche della Terra e dellAmbienteOsservatorio Astronomico 
University of Siena, DSFTA - Astronomical Observatory ), per averci fatto conoscere questa collaborazione, a C.M. Raiteri e M. Villata dellINAF per averci accolto.

Già poter collaborare a un progetto come MarSEC e vedere le nostre osservazioni affiancate a mostri sacri quali gli osservatori del Teide alle Canarie compresi i telescopi MAGIC (Spain), a Siding Spring (Australia), Manua Kea (Hawaii, USA), Lowell Observatory (Boston University, USA), Mt Lemmon Observatory (Arizona, USA), Calar Alto (Spain) ecc... e agli amici degli osservatori italiani... è emozionante di suo. Sperando ovviamente di fare anche la nostra parte in questa bellissima avventura per la comprensione del cosmo.

Infine un grazie a Matilde Barbieri  per la sua cocciutaggine (lei capirà :-) ).

Direi che con i programmi stelle variabili, exoplanet e blazar siamo piuttosto al completo con le ore osservazione al telescopio di ricerca. Convinti che la nostra dedizione possa dare un contributo sostanziale al mondo astronomico che tanto amiamo. 

Grazie a tutti!

Commenta su Facebook

Siete sempre i migliori

Mi ripeto…congratulazioni 🤩✨🥰

Anche un semplice teleobiettivo fotografico può dare grandi soddisfazioni nell'immortalare il cielo stellato.
Qui le nebulose IC 405, IC 410, IC 417 e gli ammassi M36 e M38 nell'Auriga (il Cocchiere), fotografati dal nostro ormai mitico Leonardo Quaggiotto.

Meraviglie celesti!
... Espandi il testoRiduci il testo

Anche un semplice teleobiettivo fotografico può dare grandi soddisfazioni nellimmortalare il cielo stellato.
Qui le nebulose IC 405, IC 410, IC 417  e gli ammassi M36 e M38 nellAuriga (il Cocchiere), fotografati dal nostro ormai mitico Leonardo Quaggiotto.

Meraviglie celesti!

Congratulations to our young researchers, for the presentation of their work here at Marsec at the 54th International meeting in Ostrava, Czech Republic this afternoon. Thanks to the organizers for the invitation.

Complimenti ai nostri giovani ricercatori, per la presentazione del loro lavoro qui al Marsec al 54° meeting internazionale di Ostrava, Repubblica Ceca oggi pomeriggio. Grazie agli organizzatori per l'invito.

#ostrava #marsec #planetariumostrava #crespadoro #variablestar
... Espandi il testoRiduci il testo

Commenta su Facebook

Grandi soddisfazioni 🔝 🤩 Bravi ragazzi e un fervido elogio alla ‘mia’ Matilde 😍

Bravissimi!!! 👏👏👏Lorenzo

Oggi 4° lezione corso diurno di astronomia , "l'evoluzione stellare" ed essendo diurno non ci sono le stelle... tranne una, il nostro Sole! Osservazione con il telescopio solare della più bella stella del Cosmo in un paesaggio da favola 😀 ... Espandi il testoRiduci il testo

Oggi 4° lezione corso diurno di astronomia , levoluzione stellare ed essendo diurno non ci sono le stelle... tranne una, il nostro Sole! Osservazione con il telescopio solare della più bella stella del Cosmo in un paesaggio da favola 😀

Con Giannantonio Milani ieri sera abbiamo scoperto il magico mondo delle comete! Grazie a tutti I partecipanti in presenza e on-line.
Talk About Universe torna a fine gennaio 😀
... Espandi il testoRiduci il testo

Con Giannantonio Milani ieri sera abbiamo scoperto il magico mondo delle comete! Grazie a tutti I partecipanti in presenza e on-line.
Talk About Universe torna a fine gennaio 😀
1 settimana fa
Marana Space Explorer Center

Prove tecniche di trasmissione ... Espandi il testoRiduci il testo

Commenta su Facebook

Ricordiamo che, al termine della conferenza, sarà possibile porre domande qui in chat o al numero 351 661 8778. Verranno successivamente poste al relatore.

Buonasera a tutti e benvenuti!

Ma c'è qualcosa di più bello?

Grazie Loris Lorenzini !
... Espandi il testoRiduci il testo

Commenta su Facebook

Buonasera a tutti.

E arriva anche l'ultima serata del corso serale di astronomia di base con la consegna dell'attestato. Complimenti a tutti e benvenuti nella famiglia del MarSEC. ... Espandi il testoRiduci il testo

E arriva anche lultima serata del corso serale di astronomia di base con la consegna dellattestato. Complimenti a tutti e benvenuti nella famiglia del MarSEC.

Grazie all'amministrazione comunale del comune di Brogliano per la visita ieri sera.

Stasera gran chiusura del corso di base di astronomia serale.
... Espandi il testoRiduci il testo

Grazie allamministrazione comunale del comune di Brogliano per la visita ieri sera.

Stasera gran chiusura del corso di base di astronomia serale.Image attachment

Pomeriggio alla scoperta del Sole e delle costellazioni autunnali grazie al nostro partner didattico Orizzonti , una cinquantina di studenti hanno fatto una bellissima esperienza in un contesto di straordinaria bellezza! ... Espandi il testoRiduci il testo

Mostra altri post...